RITORNANTI 

RITORNANTI
PRESENZA DELLA FIGURAZIONE NELLA SCULTURA ITALIANA
Oltre 30 opere in mostra per un viaggio nell’arte del Novecento

03/07/2020 – 27/09/2020
Castello Gamba – Châtillon

VIDEO    ARTISTS    PRESS 1    PRESS 2    PRESS 3    PRESS 4    PRESS 5

 

Dal 3 luglio al 27 settembre 2020 il Castello Gamba di Châtillon-Museo d’arte moderna e contemporanea della Valle d’Aosta ospita la mostra Ritornanti. Presenza della figurazione nella scultura italiana. L’evento espositivo,voluto dall’Assessorato del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta, segna la ripresa delle attività del Museo dopo il recente periodo di chiusura dovuta all’emergenza sanitaria. Ritornanti, termine che lontanamente echeggia il francese revenant, redivivo o fantasma, vuole stimolare una riflessione sulla presenza della figurazione nella scultura italiana, in un rapporto di prossimità tra i maestri del Novecento e gli artisti delle ultime generazioni. L’intento è quello di documentare quanto un modus attuale che non è solo pratica di lavoro, ma anche di sensibilità e capacità di sperimentazione, persista nel tempo.

La figurazione, infatti, sembra attraversare tempi e correnti e, sebbene a volte sia stata relegata a un ruolo marginale, riemerge periodicamente nell’avvicendarsi delle generazioni artistiche. È possibile perciò cogliere rimandi costanti tra la ricerca di artisti distanti nel tempo e nelle estetiche attraverso tutto il Novecento.

La mostra, a cura di Domenico Maria Papa, presenta una rassegna sulla scultura italiana attraverso opere, anche di grandi dimensioni, di: Arturo Martini, Francesco Messina, Giuseppe Maraniello, Giuliano Vangi, Luciano Minguzzi, Paolo Delle Monache e Giacomo Manzù.

A queste si accompagnano 6 sculture di Aron Demetz, uno dei più rappresentativi artisti di una giovane generazione che in Val Gardena reinterpreta la tradizione della scultura in legno attraverso un linguaggio figurativo contemporaneo.

L’esposizione è completata da 12 grafiche di Mimmo Paladino dedicate a Pinocchio, metafora di una materia che attraverso lo scalpello diviene persona viva, allegoria dell’arte stessa della scultura.

Alcune immagini della mostra, foto di Carola Allemandi